Si respira un’aria molto tesa tra le associazioni di categoria e i referenti politici. Ormai la situazione è sfuggita di mano ed è partito il classico scarica barile tra i politici a discapito dei lavoratori sempre più in difficoltà.

Il gruppo di “fratelli d’italia” di Polignano a mare ha organizzato un incontro con la presenza del referente regionale oltre che medico, Ignazio Zullo.

Il messaggio audio del Sindaco Domenico Vitto è il quadro reale della gestione dei vaccini in Puglia – il commento di Zullo – e se un giornale straniero come il Financial Time critica la Puglia per la gestione, allora vuol dire che abbiamo toccato il fondo. L’invito a vaccinarsi è cosa sacrosanta è sbagliato il metodo e la gestione. Il Sindaco Vitto – continua il dottore – è presidente regionale Anci, quindi un ruolo molto importante, allora perché non svolge il ruolo di portavoce delle problematiche regionali verso i vertici del governo? Lo invito a contattarci e tramite la nostra portavoce Giorgia Meloni riusciremmo sicuramente a farci sentire in modo più concreto.”

Critiche mosse anche dai referenti locali, Giuseppe L’abbate e Antonello di Giorgio sulla gestione dei vaccini, sulla gestione dei controlli dopo le ordinanze del Sindaco e sulle promesse non mantenute sul progetto dell’anno scorso Polignano “covid free”.

Partecipare alle manifestazioni di protesta con le associazioni di categoria è sicuramente importante – conclude Zullo – ma alla fine protesterà contro se stesso, perché le ordinanze sono firmate da lui e contro il suo governo. Ha senso quindi?”