E’ un Agosto rovente per l’amministrazione Vitto, che in periodo di ferie piuttosto che passare del tempo sotto l’ombrellone su una bella spiaggia, si ritrova ad affrontare non un solo problema nella gestione della macchina amministrativa.

Solo qualche giorno fa, è stato affrontato il problema Marilù Callea che è subentrata a l’ex assessore alla cultura Marilena Abbatepaolo. Un subentro che non ha lasciato il paese indifferente sopratutto dopo le affermazioni dell’opposizione durante l’insediamento in maggioranza che voleva la Callea tra le proprie file. Ma di questo ci occuperemo in seguito.

Oggi invece, arrivano a ciel sereno le dimissioni del vice Sindaco Salvatore Colella dalla delega del SUAP. Il suap è considerato l’ufficio indispensabile per il paese, con il compito di snellire la burocrazia e accelerare le concessioni per le attività commerciali.

Questo in teoria. In pratica invece l’ufficio viaggia a rilento. Da una parte ci sono le attività commerciali che a febbraio scorso hanno presentato domanda per i dehors e nel pieno della stagione lavorativa estiva si sono ritrovati a subire sanzioni amministrative perche non in regola con le concessioni. Cioè il SUAP appunto, non ha ancora rilasciato le autorizzazioni. Dall’altra parte invece, abbiamo un ufficio stracolmo di pratiche ma con personale ridotto tanto da non poter sopperire a tutte le esigenze.

Con le dimissioni del vice Sindaco nelle mani del Sindaco Vitto passa una bella patata bollente, in un ufficio che necessita di riorganizzazione o organizzazione? Nella nota invita al Sindaco Vitto, Colella parla di “reiterate minacce nei miei confronti che coinvolgono indirettamente in situazioni spiacevoli anche la mia famiglia. Pertanto ritengo non vi siano più le condizioni di serenità per procedere nello svolgimento del ruolo assegnatomi.”